La dieta di Laura Pausini

Non è la prima volta che parliamo di v.i.p. che si cimentano con il dimagrimento, questa volta prendiamo come esempio la nostra Laura Pausini. In molti volevate sapere come ha impostato i deficit calorici Laura e cosa mangiava nello specifico, ora lo saprete.

Il piano alimentare

Prima di addentrarci nei meandri alimentari ricordiamo che la dieta è specifica per ognuno di noi e che quindi non è ottimo “copiare” quella di un altro. In caso contrario i fabbisogni calorici potrebbero coincidere e prederemmo due piccioni con una fava. Il menù ipocalorico della Pausini prevede 1400 Kcal giornaliere. Direte, vabbè sai che novità? Intanto in questo modo la cantante ha pero ben 10 kg. Allora sta a voi decidere se seguirla o continuare sui vostri passi. Illustriamo qualche tips di questa dieta brucia-grassi.

Il suo nutrizionista

Indiscrezioni hanno rivelato che lei come quasi tutte le donne mediterranee hanno le curve al posto giusto e tendono a prendere qualche chilo di troppo. Per questo circa 15 mesi fa, Laura Pausini ha fatto la scelta di andare da uno specialista che gli ha prescritto una dieta molto dettagliata da seguire. Il lato positivo? Non è molto rigida. Questo comporta una maggiore facilità nel seguirla. Il range temporale non dovrà stupire è di un anno, in questo modo si ridurranno le difficoltà psichiche. Il suo nutrizionista racconta:”Lei ama i tortellini, toglierli dalla sua dieta significherebbe causare scompensi inconsci…”. Se queste parole vi sono piaciute rimarrete soddisfatti dagli alimenti che comprende questo piano alimentare.

Come agisce la dieta

Il Prof. Blackburn di Harvard ha selezionato un piano terapeutico a base di carboidrati e un maggior inserimento di proteine. Comprende tre fasi: dimagrimento, transizione e mantenimento. Il punto forte di questa dieta, come spiega il professore, è che si favorisce la chetogenesi, parolone per dire che vengono utilizzati preferenzialmente i lipidi come combustibile energetico.

In generale

Per pranzo l’ideale sarebbe un cereale con basso indice glicemico, ma che ci diminuisca il senso di fame durante il giorno e ci dia l’energia per affrontare le peripezie della giornata. A cena, ci si può destreggiare tra 150 g. di carne, pesce o due uova per garantire il giusto apporto proteico al nostro organismo. Come contorno le verdure fanno da padrone perchè saziano e disintossicano. Non bisogna eccedere con i condimenti altrimenti rendiamo vani i nostri sacrifici e melgio abolire le salse. Gli spuntini devono comprendere yogurt o frutta in quantità moderate per non eccedere con gli zuccheri.

Di seguito vi forniamo due giorni della dieta di Laura Pausini che siamo riusciti a estrapolare da una sua intervista ad un programma su Rai Uno.

Giorno 1

Colazione: 30 g. di cereali

Spuntino: 100 g. di yogurt bianco

Pranzo: 1 fondina di tortellini al prosciutto crudo in brodo, verdure a piacere.

Spuntino: una mela e/o frutto di stagione

Cena: 150 g di fettine di manzo alla pizzaiola, 2 patate al cartoccio aromatizzate con rosmarino, 1 frutto.

Giorno 2

Colazione: 30 g. di cereali

Spuntino: una mela e/o frutto di stagione

Pranzo: un piatto di minestrone senza legumi con 1 pugno di riso integrale.

Spuntino: 100 g. di yogurt bianco

Cena: omelette di 2 uova con zucchine e funghi champignon, mezzo panino integrale.