La dieta Atkins

Cos’è la dieta Atkins

La dieta Atkins, che prende il nome dal cardiologo che l’ha inventata Robert C. Atkins, è stata ideata per prevenire e tenere sotto controllo il diabete. Per questo prevede l’eliminazione, quasi completa, degli zuccheri e dei carboidrati. Per soddisfare dunque il fabbisogno energetico del nostro corpo, viene consigliato un consumo maggiore di proteine e grassi. E’ stato testato che con questa dieta si può perdere anche 0.5kg al giorno.

Come funziona

Gli zuccheri sono la principale fonte di energia nel nostro corpo. Questa dieta, però, punta a soddisfare le richieste energetiche attraverso grassi e proteine. Così facendo i livelli di insulina sono più costanti e l’organismo diventa una vera e propria macchina brucia grassi.

Diminuendo gli zuccheri costringiamo il corpo ad assumere energia da proteine e lipidi. Questa alimentazione favorisce un dimagrimento veloce perchè il senso di sazietà aumenta così come aumenta il consumo di energie e stimola la produzione di ormoni anabolici che, se abbinati ad attività fisica, aiuta l’aumento di massa muscolare.

Come funziona

Le fasi della dieta Atkins

La dieta Atkins è suddivisa in quattro semplici fasi:

  • Fase 1: prevede la riduzione dei carboidrati (non più di 20 grammi al giorno). Gli alimenti da evitare quindi sono pasta, cereali, dolci, patate eccetera. In cambio si potrà mangiare senza nessun problema bistecche, pesce, uova, formaggi, evitando solo i grassi idrogenati. Questa prima fase serve solo ad abituare l’organismo a bruciare i grassi più velocemente.
  • Fase 2: prevede un lieve incremento di carboidrati (non più di 5 grammi in più al giorno). Molte volte, durante questa fase, si smette di perdere peso, per questo viene consigliato di fare un passo indietro, di eliminare quindi quel piccolo incremento di carboidrati, finchè non si torna a perdere almeno 1kg a settimana. Anche in questa fase è assolutamente vietato mangiare pasta, pane eccetera.
  • Fase 3: quando si è quasi arrivati al peso ideale si entra nella terza fase, durante la quale si consiglia di aumentare (non più di 10 grammi) l’assunzione di carboidrati. Con questa fase il nostro corpo arriverà a perdere 500 grammi alla settimana e ci preparerà all’ultima fase della dieta.
  • Fase 4: il soggetto si rende ormai consapevole della giusta quantità di carboidrati di cui ha bisogno. Molte volte, anche durante la quarta fase, il soggetto è ancora costretto a limitare l’assunzione di zuccheri (non più di 80 grammi al giorno).
le fasi della dieta Atkins

Conclusione

In conclusione possiamo dire che non è semplice ma è efficace. Come ogni dieta ha dei vantaggi e degli svantaggi. Considerando che il nostro corpo ha bisogno di almeno 120 grammi di glucosio per garantire il giusto funzionamento del sistema nervoso centrale, con questa dieta, entro un paio di giorni, le scorte di glucosio si esauriscono e il corpo è costretto a produrre corpi chetonici. Questi corpi rendono il sangue più acido e può provocare affaticamento e nausea. Bisogna dunque stare attenti e consultare un dietologo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *